lunedì 18 luglio 2011

DALLA SPADA NELLA ROCCIA AL CALCARE NELLA DOCCIA

 C'era una volta la spada nella roccia, oggi invece c'è un pentolone magico incrostato che necessita di essere pulito e per chi riuscirà a riportarlo agli antichi splendori c'è un trono in palio. Prodi cavalieri si prodigano nell'impresa prodigiosa ma tutti falliscono miseramente e, sotto l'enorme pressione dell'arduo compito, crollano psicologicamente e si adirano oltremodo scagliando con veemenza contro il muro i loro flaconi di inetti detergenti. Ma eccolo arrivare, l'immagine è quella del cavaliere dalla rifulgente armatura in sella al suo bianco destriero che fiero sventola la sua criniera. Egli entra trionfante nel castello e sfodera Excalibur! Cioè no volevo dire Cif, sfodera il Cif. Ed eccolo che con poche ed abili mosse lo vediamo trionfare su ogni sozzura e riportare a nuova vita il prezioso e antico pentolone, incurante delle ossidazioni, delle muffe e di ogni cosiderazione sulle problematiche relative ai moderni concetti di restauro e conservazione. Il cavaliere, gasato dal suo successo, si esibisce in una dimostrazione di pulizia marziale che stordisce i presenti e igienizza il castello, prima di essere finalmente incoronato... Regina. Ah! Ebbene sì! Proprio una donna è l'artefice di cotanto lindore, che rivoluzione!
E loro, uomini incapaci che in questa sfida hanno dimostrato tutta la loro innegabile inferiorità, è bene che mai più si avvicinino a un prodotto per pulire e, visto che non sono nemmeno in grado di sceglierli, che siano banditi anche da tutti i supermercati del regno! E che mai più osino prendere in mano uno straccio o una spugnetta, quella della strofinatura è una nobile arte che non si improvvisa e richiede anni di pratica e allenamanto, loro non sono degni di esercitarla. Solo lei, la donna, è stata l'unica e sola capace di trionfare su germi, batteri e incrostazioni. Essa ha dimostrato la sua superiorità combattendo ad armi pari con gli uomini e si è così conquistata una corona di bigodini e uno scettro con setole sintetiche che nessuno potrà mai toglierle. Essa solo avrà il diritto di pulire e di regnare incontrastata su fuochi, piastrelle e sanitari. Loro, gli uomini, non sanno farlo, non possono, non devono! Tienlo bene a mente, bella bambina che con gli occhioni sgranati guardi questo mini cartone animato ambientato in un passato remoto che racconta il futuro dei tuoi sogni. Ed anche tu bel bambino rimembra, quando sarai grande lascia che la donna sia la sola padrona del suo regno e non osare mai provare a toglierle questo primato. Tu lavorerai con sudore e salverai il mondo grazie al potere della tua busta paga e lei partorirà con dolore e farà l'acqua frizzante grazie ad un aggeggio comprato da qualche parte.


Premetto che la mia non è mai stata un'indole particolarmente femminista e che a me cucinare rende felice e spesso pulire e riordinare mi rilassa persino; ma c'è anche da dire che entrambe le cose le faccio per non mangiare cartone e per non vivere in una caotica discarica e il fatto che mi vengano a raccontare che questo status quo ha avuto origine in un mondo in cui le donne erano prodi cavalieri proprio al pari degli uomini finchè una di loro, ostinata e competitiva, non ha deciso di trionfare sull'altro sesso nella sfida del pentolone conquistandosi la carica di Regina della Casa, praticamente equivale a dire che siamo 'na manica de sceme.

Ti piacque? Ricevi gli aggiornamenti di TELEmiqp

2 commenti:

  1. Simone Santese20 luglio 2011 23:03

    Analisi molto corretta e pungente. Francamente nello spottaccio in questione (tra l'altro fiacco come un bradipo in letargo da 10 mesi) anche io avevo notato come solo la donna sappia davvero come si tolga il lerciume dalle pentole, e chiunque affermi il contrario mente. Io francamente avrei finito che il cavaliere era un uomo e la principessa, battuta sul suo (presunto) campo se lo sposava.

    RispondiElimina
  2. Infatti, caro il mio Simone, è proprio questa la questione! Qui si racconta la parabola di come la donna sia diventata Regina della Casa e l'argomento viene trattato come se si stesse parlando di una vera e propria conquista da parte del genere femminile (una bella presa per il culo, diciamolo). Le suffragette staranno facendo le capriole nelle loro tombe. Tutto questo poi viene fatto utilizzando un linguaggio e una grafica che non può non catturare l'attenzione dei giovanissimi. Insomma erano a tanto così dal poter fare una cosa più attuale e realistica e invece niente, sono rimasti al medioevo, nel castello, con le armature. In questo senso onore e gloria a Cillit Bang (http://www.youtube.com/watch?v=_O4IP17Pq6A), che non è certo lo spot del secolo ma che almeno ci mostra un uomo che pulisce e che stupito dalla potenza del suo detergente non fa che srpuzzare e lucidare. Perchè in fondo, e da donna posso dirlo, anche pulire dà le sue soddisfazioni ed è bene che anche gli uomini imparino ad apprezzare questo lato della vita! A presto caro SimONE

    RispondiElimina